Dalla moda all’active, le sneaker offrono sia soluzioni urban sia dettagli performanti

[In cover: Sfilate Louis Vuitton e Stella McCartney AI22/23]

Non c’è dubbio che le sneaker, sdoganate dalle celeb anche per le occasioni importanti, rimangono l’accessorio più diffuso e trasversale alle ultime tre generazioni (Y, Z, Alpha). Sebbene per l’autunno-inverno 22/23 i riflettori delle passerelle fossero puntati più su calzature femminili e audaci, non sono mancati outfi, anche formali, accessoriati da modelli ispirati al mondo dello sport. Fino a diventare co-protagonisti nella sfilata di Gucci che ha presentato la collaborazione con Adidas, svelando, alla presenza di Stan Smith (l’ex tennista che ha dato il nome a un celebre modello di Adidas) il cuore urban del brand Usa con echi anni 70/80. Per il resto le sneaker si dividono in due universi paralleli che però si intersecano nel guardaroba della donna dove non possono mancare modelli delle griffe o di brand  non specialisti nelle sneaker, e quelli dei grandi player del settore, che si sono avvicinati ormai da tempo al mondo urban. Lo spartiacque è ancora una volta la femminilità: da una parte il décor e dall’altra i riferimenti all’active. Suole a cassetta e fondi chunky si dividono ancora a metà le preferenze del pubblico, che chiede anche maggior attenzione all’ambiente, richiesta alla quale i brand rispondono con materiali riciclati per i fondi e la tomaia.

Femminilità

Ci sono brand che propongono ginniche dall’allure femminile, dove i colori e i dettagli rimandano ai trend di stagione. Si va dal minimal del total white o del monocolore, alle tonalità accese, come il fucsia, il verde, il viola, dagli inserti di pellami laminati ai dettagli gioiello di pietre, swarovski e borchie, loghi e lacci a contrasto.

Active look

L’anima sportiva si fonde con la moda, la performance sconfina nell’outdoor. Lo stile dei campioni dello sport del passato viene riproposto nelle calzature del prossimo futuro che mantengono l’allure vintage dei modelli indossati dai campioni del basket e del running. Non mancano quindi dettagli tecnici studiati per il comfort e per ammortizzare gli urti nella camminata.