Ogni giorno si allunga l’elenco delle aziende del settore moda che riconvertono la produzione per dedicarsi alle mascherine. Dopo l’appello di Confindustria Moda e la campagna per la raccolta delle candidature delle aziende del tessile per produrre tessuto-non tessuto e quelle della confezione per realizzare le mascherine, il settore si è mobilitato con generosità. Dal Gruppo Miroglio a Prada, da Scervino, Gucci a Valentino a Calzedonia, e non solo: anche i calzaturieri hanno raccolto l’invito. Fra questi Geox e Fabi hanno riconvertito alcuni settori della produzione, coinvolgendo il personale del taglio e dell’orlatura.

Anche Baldinini si è attivato per l’emergenza, realizzando mascherine chirurgiche, da donare in primis a tutti i dipendenti e alle loro famiglie e poi alle forze dell’ordine nei comuni di San Mauro Pascoli e Savignano sul Rubicone.