Un traguardo importante, la 100esima edizione per Pitti Uomo, questa volta insieme anche al Bimbo, ma il logo creato appositamente si potrebbe leggere al contrario e quindi 001, per indicare l’edizione della ripartenza in presenza dopo il periodo della pandemia. Alla Fortezza da Basso dal 30 giugno al 2 luglio, 315 marchi uomo e 74 bimbo (ma le adesioni sono in progress) con le collezioni per la primavera/estate 2022 si aspettano una affluenza di circa 8000 compratori provenienti dall’Italia e dai paesi europei. Nonostante la manifestazione sia ridotta nel numero di espositori e di visitatori, non mancano il fermento e le novità. Fra le iniziative di Pitti Uomo, per la prima volta prende forma la collaborazione con Assopellettieri per il lancio del progetto Mipel Lab, in partnership con Lineapelle, e pensata per promuovere in tutto il mondo l’eccellenza della produzione Made in Italy del settore pelletteria.Si tratta di una grande “scultura multimediale” che mixa sapientemente contributi video dedicati alle diverse realtà aziendali ed elementi materici legati ai trend moda. Special guest sarà il designer sudafricano Thebe Magugu con la sua collezione improntata alla freschezza di una creatività multiculturale e multidisciplinare, e allo stesso tempo all’impegno etico e sociale. Torna la moda sostenibile con il progetto Sustainable Style con una selezione di 15 brand che creano e producono seguendo principi di eco-responsabilità. Novità assoluta sono i Pitti Studios, un servizio di produzione contenuti foto, video e storytelling, pensato per valorizzare le proposte dei brand in un’ottica cross-canale social e digital media, su Pitti Connect e sulle piattaforme degli stessi espositori.

Pitti Bimbo trova spazio nei Quartieri Monumentali e al Padiglione delle Ghiaie organizzati come un concept store, in cui convivono mondi diversi connessi da un filo rosso di stile. Alcune collezioni bambino sono invece esposte insieme a quelle dell’adulto, per la prima vota riunite in ‘famiglie’, come Herno o Invicta. Anche per il settore bambino, la sostenibilità è fondamentale e si concretizza nel progetto “I want to be green” che vede anche l’impegno di Naturino con una capsule realizzata in collaborazione con Cuoio di Toscana, l’associazione che riunisce le concerie della regione che hanno scelto la sostenibilità. L’esperienza delle fiere fisiche è supportata dalla piattaforma digitale Pitti Connect che amplifica e completa i contenuti presenti in Fortezza da Basso.