Cosa può comprare l’uomo negli acquisti last minute? Ecco 3 modelli da tenere nel guardaroba

[In cover: da sinistra Cult, Docksteps, Fabi AI 2020-21]

Accanto alle sneaker, ai chelsea boots e alle scarpe classiche (dal mocassino alle stringate, alle monk), per questa stagione invernale ci sono alcuni modelli che sono tornati sotto i riflettori nelle collezioni di stilisti e brand. Da non dimenticare negli acquisti online e nei saldi.

Desert boot

Il modello originale è quello introdotto dalla Clarks in una collezione presentata nel 1949, ma diventato popolare solo a metà anni Sessanta. Da allora il termine è usato per identificare i polacchini con la tomaia in pelle scamosciata e suola in crepe (ma ci sono versioni anche in altri tipi di pellame e suole), sinonimi di estremo comfort.

Wallabee

Anche questo è un modello che appartiene alla storia della Clarks, diventato simbolo delle sottoculture giovanili degli anni ’70, ’80 e ’90. Oggi ispira tanti brand che lo hanno presentato con tomaia sia in versione suede, sia in pelle e con fondi anche in cuoio per attualizzare una calzatura che all’inizio era nata per un pubblico anziano.

Anfibio

Per dovere di cronaca, l’anfibio per antonomasia è il 1460 D.Martens. Portabandiera del mood punk anni ’70, ormai da tempo l’anfibio ha conquistato un pubblico vasto ed eterogeneo. Presente sulle passerelle maschili e nelle collezioni dei brand, è una calzatura versatile, sdoganata anche con l’abito formale.