Stare a casa senza rinunciare ad andare per musei

Mentre una fetta sempre più ampia della popolazione mondiale si ritira in casa per una delle molte forme di quarantena imposte dalla pandemia virale che sta affliggendo l’intero pianeta, le istituzioni culturali stanno sperimentando nuove forme di comunicazione e divulgazione del loro patrimonio storico, artistico ed espositivo.
Ma la vera novità sta nella scoperta (e riscoperta), da parte di tutti noi, della possibilità di accedere, da casa, a portata di computer e smartphone, agli archivi e alle sale virtuali di musei, fondazioni e gallerie.

Visto che su Italian Shoes parliamo di scarpe, vediamo quali sono le mostre da visitare senza muoverci dal salotto, dallo studio o dalla camera da letto.
La maggior parte di esse si possono trovare su Google Arts & Culture, piattaforma che il colosso americano ha lanciato nel 2011 in collaborazione con i principali musei del mondo.

Museo Salvatore Ferragamo

Inaugurato nel 1995 all’interno del Palazzo Spini Feroni di Firenze con l’intento di far conoscere al pubblico di tutto il mondo le qualità artistiche e l’importanza storica, nell’ambito della calzatura, di Salvatore Ferragamo.
È possibile trovare tra ben 8 mostre virtuali, per esempio quella che illustra il rapporto tra lo stilista e Audrey Hepburn o quella che racconta l’affinità con Marilyn Monroe, oppure esplorare i modelli e i brevetti che hanno cambiato la storia della calzatura.
Ci sono anche ben moltissime immagini dell’archivio divise per categoria e la possibilità di fare un giro virtuale tra le sale del museo.

Il Museo della Calzatura di Villa Foscarini Rossi

Nel 1995 l’imprenditore calzaturiero Luigino Rossi acquista Villa Foscarini, dimora storica dei seicento lungo le rive del Brenta, per trasformarla in un museo che raccoglie oltre 1500 modelli di calzature femminili prodotti dall’azienda dal 1947 ai giorni nostri.
Inoltre è presente una collezione di calzature veneziane del ‘700 e dell’800.
Online è possibile visitare tre esposizioni, che mostrano il lavoro della casa di moda e la raccolta di calzature storiche veneziane.
È anche presente un ricco archivio e si può girare virtualmente per Villa Foscarini Rossi, alla scoperta del magnifico giardino e delle sale del museo.

Calzoleria Cavallera, Sacchetti e Beltramo, protagonisti di un secolo di moda a Torino

Per tutti gli appassionati di calzature artigianali, ecco una mostra che racconta di tre piccole ma prestigiose realtà che hanno influenzato la moda calzaturiera nella città di TorinoCavallera, Sacchetti e Beltramo — tra fotografie e interviste d’epoca.

The Gentle Step

Fondato nel 2004 a Cambridge, in Canada, il Fashion History Museum ha una collezione di oltre 12.000 pezzi tra abbigliamento, accessori e tessuti prodotti dal ‘600 a oggi.
The Gentle Step è una mostra da visitare online, che ripercorre un secolo di storia della calzatura, dal 1790 al 1890.

Museo internazionale della calzatura Pietro Bartolini, Vigevano

Il Museo Internazionale della Calzatura Pietro Bertolini di Vigevano (MIC) è la prima istituzione pubblica in Italia dedicata alla storia della scarpa.
Si tratta di una destinazione imperdibile sia per gli addetti ai lavori che per i semplici appassionati, con il suo prezioso archivio di modelli che coprono periodi storici, zone geografiche e ambiti tra i più differenti: dagli esemplari del Rinascimento a quelli della Belle Epoque, dalle scarpe militari della Grande Guerra alle calzature esotiche ed etiche, dalle grandi firme alle scarpe dei papi.
Attualmente online c’è una mostra sulla broderie, l’antica tecnica del ricamo e dell’applicazione di passamaneria e dettagli preziosi sulle calzature femminili.