I brand usano il social network per inviare messaggi di speranza e raccogliere fondi

[In copertina: Jimmy Choo, BePositive, Rondinella, Naturino, Superga e Manolo Blahnik]

Per alcune settimane il mondo si è bloccato. La maggior parte delle aziende ha fermato le macchine, mandato a casa i dipendenti e spento le luci degli uffici e delle fabbriche. Ciascuno, da casa propria, ha reagito nel modo più congeniale: chi abbandonandosi a un po’ di meritato riposo, chi ripensando le strategie per il futuro, chi mettendosi in ascolto di sé e degli altri, chi passando giornate intere sui social, chi impegnandosi in mille attività per non perdere tempo prezioso.

Nell’era della comunicazione anche i marchi, come le persone, hanno una loro “voce”. Un modo di esprimersi, un tono, una maniera di agire: caratteristiche uniche, personali eppure collettive, che rispecchiano la storia di un brand, il territorio in cui è nato, lo spirito dei fondatori, la tipologia di clienti.
Con le loro voci, molte aziende del settore calzaturiero italiano hanno deciso di dire la loro.
Alcuni, per un periodo, hanno devoluto il ricavato delle vendite a supporto degli ospedali. Altri hanno puntato sull’orgoglio patriottico, altri ancora hanno pensato di lanciare messaggi positivi e d’ispirazione.

Il mezzo scelto da tutti è il social più utilizzato per comunicare con il proprio pubblico: ovviamente Instagram.
Di seguito alcune delle iniziative intraprese dai brand.

AGL ha devoluto il 30% di tutti gli incassi online di aprile ai medici del proprio territorio, la provincia di Fermo, nelle Marche.

View this post on Instagram

A SHARED COMMITMENT AGAINST COVID-19 The current situation is showing us that there are no boundaries for this pandemic that is affecting our health and lives. It is calling all of us to work together in respecting rules and keeping a high level of responsibility. “We are very fortunate to be able to stay safe at home and we think It’s our responsibility to take care of our families and be grateful. Above all, It’s time to utilize our resources to help others, in particular the people who are running the risk of their own lives to protect ours.” The Giusti Sisters have decided to engage the AGL community to support all essential workers like doctors and nurses, to express gratitude for what they are doing: for the entire month of April, 30% of the proceeds made on agl.com will be donated to benefit Doctors of Marche Region – Province of Fermo, Italy – and provide them with personal protective equipment. #staysafe #stayhome #covid19

A post shared by AGL Shoes (@aglshoes) on

Alessandro Oteri ha approfittato dello stop temporaneo per raccontare su Instagram e su YouTube la storia della scarpa.

Arbiter ha organizzato una diretta Instagram con il negozio Natta mostrando l’arte della scarpa fatta a mano.

Attico ha organizzato una vendita speciale dei propri pezzi d’archivio devolvendo l’intero ricavato alla Protezione Civile.

View this post on Instagram

We are live! #TheAtticoDoorIsOpen #DoorIsOpen

A post shared by THE ATTICO (@the_attico) on

Baldinini ha puntato sul buon esempio: stare a casa per aiutare chi combatte l’emergenza.

BePositive ha invitato i propri follower a reagire, rialzarsi e, ovviamente, restare positivi.

Casadei ha lanciato un piccolo contest attraverso le stories, Casadei at Home.

Doucal’s ha invitato tutti a restare uniti attraverso un piccolo giro del mondo di negozio in negozio.

Fabi ha puntato sul territorio e aperto il proprio cuore ai follower con fotografie della zona e messaggi di speranza.

Fratelli Rossetti ha partecipato al progetto di raccolta fondi Italia We Are With You lanciato dalla Camera Nazionale della Moda Italiana e inaugurato una rubrica che racconta la storia del marchio attraverso curiosità poco conosciute: #fratellirossetticuriosities.

Harmont & Blaine ha messo in vendita dei peluche a forma di bassotto (la mascotte del marchio) a supporto dell’Istituto Spallanzani di Roma.

Iceberg sta pubblicando mini-interviste con creativi di tutto il mondo su come affrontare la quarantena.

Jimmy Choo, che produce in Italia, ha chiesto alle clienti «come indossate le vostre Choos a casa?», postando poi le foto.

Manolo Blahnik, consiglia di portare in casa ciò che si faceva fuori, come ad esempio un bel pic-nic, cercando di regalare un sorriso e supportando la causa di chi si occupa di salute mentale, tema cruciale nelle settimane di quarantena.

Naturino ha affidato al proprio profilo un messaggio di speranza: «Se restiamo uniti, passeranno anche le nuvole».

Patrizia Pepe ha raccolto fondi per l’Ospedale Careggi di Firenze.

Pezzol riunisce il mondo intero nel suo invito a farci forza.

Primigi pubblica tutorial dedicati ai bambini per giocare in casa.

Ricagno ha lanciato il progetto #proudlymadeinitaly invitando i talenti dell’industria della moda italiana per una serie di video.

Rondinella, vestendo i piedi dei bambini, ha suggerito attività giocose da fare in casa tipo la battaglia coi cuscini, saltare sul letto, gustarsi il tempo passato in compagnia.

Santoni è ripartito di slancio e in totale sicurezza e messo online una pagina del proprio sito per raccontarlo — Welcome to the family — e per raccogliere fondi per l’emergenza sanitaria nella propria regione, le Marche.

Sergio Rossi ha donato per una settimana il 100% delle vendite online a supporto dell’emergenza sanitaria e successivamente ha lanciato una campagna di comunicazione per diffondere positività.

Superga ha orgogliosamente postato una scarpa tricolore.