Cosa hanno in comune le calzature e la musica? La vocazione all’armonia, alla bellezza senza tempo e alla durevolezza, come la musica di Rossini, Chopin e Schubert oppure come le scarpe dell’imprenditore Giordano Torresi.
Così per il debutto ufficiale della collezione primavera/estate 2020 durante la fashion week di settembre, è stato scelto lo sfondo degli arazzi e degli affreschi di Palazzo Turati, allietando oltre che la vista anche l’orecchio degli ospiti con due giovani e promettenti pianiste del Conservatorio di Milano G.Verdi, Ginevra Costantini Negri e Angelica Roblin. In questo contesto di arte e musica spiccavano le scarpe disegnate in collaborazione con la stilista Estelle Morelli e prodotte nell’azienda marchigiana di famiglia, La Manuelita.
Se il mood è quello di una linea senza tempo e stagioni, il progetto guarda invece al futuro con la possibilità di configurare 10 modelli in base a stile, colori, materiali, tacchi e applicazione delle proprie iniziali sulla suola. Quindi, secondo metodologie e produzione 4.0 e una distribuzione che coniuga online e offline.
Da giugno 2019 è attiva infatti la piattaforma e-commerce
, attraverso la quale la cliente può configurare la propria scarpa.
Il progetto coinvolgerà anche selezionate boutique multibrand.