Si chiama Vegea il materiale ecosostenibile per abbigliamento e accessori che nasce dai derivati della lavorazione vinicola, conosciuti come vinaccia e base ideale per tessuti tecnici ecosostenibili.

L’idea nasce nel 2016 grazie all’architetto Gianpiero Tessitore e al chimico Francesco Merlino, spinti dalla volontà di trovare soluzioni ecosostenibili per il settore moda.
Due eccellenze italiane, moda e vino, si fondono così in un materiale che è diventato oggetto di una collezione di prototipi di abiti, scarpe e borse, affidati all’eco-designer Tiziano Guardini, vincitore del recente Green Fashion Carpet Award  come miglior designer emergente. Questa capsule è frutto di un lavoro tra il direttore creativo Tiziano Guardini e una squadra di artigiani e artisti con una grande sensibilità, riuscendo cosi a trasformare prodotti moda in veri e propri artworks. Le calzature – sneaker, sandali e décolleté – sono uscite dalle mani delle artigiane Giovanna D’Ulisse e Francesca Latini dette “Le Mastro”.