Le calzature Levius vengono prodotte nel distretto calzaturiero veneto

Sospesa sull’acqua; evanescente quando spunta dalla nebbia della laguna; leggera e impalpabile come un sogno. È Venezia, città che ha dato i natali a un marchio di calzature che dalla leggerezza ha preso il nome: Levius.

Fondato da Marco Dalla Torre, imprenditore con alle spalle una esperienza più che ventennale in ambito sportswear e streetwear, il brand è nato nel 2015 e da allora produce calzature che mettono assieme due mondi — quello della sneaker e quello della calzatura tradizionale — creando modelli che ben si adattano a essere usate tutto il giorno.

Interamente realizzate nel distretto calzaturiero veneto da artigiani che utilizzano pellami italiani (vitello nappato, scamosciato o conciato al vegetale, ingrassato o cerato per avere una maggiore impermeabilità — dopotutto il quartier generale di Levius è a Venezia), le scarpe sono caratterizzate da linee essenziali, da suole in eva o in gomma e da lycra accoppiata al nylon nella parte del tallone, che assicura morbidezza ed è diventato una sorta di marchio di fabbrica.

E se la goccia del logo ricorda l’acqua della città da cui tutto è partito, anche i colori della collezione invernale (vedi galleria qui sotto) sono ispirati a quelli della laguna.

VEDI TUTTI GLI ARTICOLI DELLA RUBRICA