MICAM Milano e Mipel, dal 10 al 13 febbraio, presentano le collezioni di calzature e di borse per l’a-i 2019/20.

[In cover: MICAM87 Campagna]

Micam Milano, sempre ricco di iniziative ed eventi, riconferma alcuni appuntamenti importanti come quello con gli Emerging Designers al padiglione 4. I 12 nuovi nomi internazionali sono: Anna Baiguera, Maison Ernest, Adult, Annie Gestroemi, Marie Weber, Seven all around, Balluta, Panafrica, Paolo Ronga, Me.Land, Andrea Mondin, King Ping.

Tornano anche le sfilate alla Fashion Square e i seminari sulle tendenze e sulle nuove strategie di marketing organizzati in collaborazione con WGSN. Completamente nuova è invece la presentazione, domenica 10, di  Plug-Mi The Sneakers Culture Experience, che si terrà a settembre prossimo, un nuovo format B2C – organizzato da Fandango Club in collaborazione con MICAM Milano e Fiera Milano – dedicato al dinamico mondo delle sneaker e rivolto ai millennial.

In questa edizione si alterneranno seminari con interventi di esperti del settore, collezionisti e artisti, mentre un momento ludico culminerà con il dj set by Bobo Vieri. L’altro evento clou sarà la sera dell’11 con la consegna dei Micam Awards ai migliori retailer italiani e stranieri da parte dello stilista Tommy Hilfiger e di Miss Italia 2018, Carlotta Maggiorana.
A seguire, un assaggio dello spettacolo
«Priscilla. Queen of MICAM» con l’intero cast del Musical “Priscilla. La regina del deserto”, in questi giorni in un Teatro milanese, che si esibirà live con i più celebri brani del musical.

MICAM Milano ospita a questa edizione cinque top influencer cinesi che la domenica 10 febbraio parleranno di loro e del legame fra social media e e-commerce. Non mancheranno performance artistiche con il body painter Johannes Stötter, le creazioni di plastilina di Stefano Colferai, che creerà calzature riproducendo i modelli degli espositori da bambino, e le sculture di ghiaccio di Francesco Falasconi e Michela Ciappini.

Il Mipel prosegue con la strategia di proiettare la fiera in città con eventi legati alla distribuzione. Dopo La Rinascente della scorsa edizione, questa volta il department store sotto i riflettori è il Coin di Piazza Cinque Giornate che esporrà le capsule collection realizzate dalla collaborazione fra aziende e designer emergenti, acquistabili dal pubblico. Ma, soprattutto, il focus di questa edizione è sulla sostenibilità, tema particolarmente caro al sistema moda e a tutta la filiera e declinato in tutte le sue accezioni (ambientale, sociale e lavorativa). Si va dalle creazioni dell’artista Enrica Borghi, frutto del recupero di materiali che la società rifiuta e scarta, esposte in fiera, ai progetti di Vivianne Westwood come la collezione “African Ethical Bag”, alla collezione “Clima Bottle” realizzata con 24Bottles, fino al progetto “LeaTher’S Work, il laboratorio di pelletteria della Cooperativa Sociale Il Girasole di Firenze che favorisce l’insegnamento di un lavoro e l’integrazione sociale.

Anche il workshop “Cambiamo pelle. Sostenibilità tra storicità e innovazione” con il ceo di Eco-Age pone l’accento sugli aspetti di marketing e comunicazione legati a questo tema.